La leggenda di Nian (Anno)

难得一家大小一起放假,在年三十的大团圆日,来一次亲子之间的讲故事比赛吧,齐齐做评判,看看谁个家人说得最动听﹕

年的传说

传说中「年」是一种巨大而兇猛的怪兽,「年」有一个很大的头,也有一个很大的口,因为食物不夠,在冬天食物短缺使就会出来吃人。
因为「年」很可怕,村民都十分害怕它,想尽法子要趕走它,但到处都找不到好的工具方法。
又到一年的最后一天了,当大家都静捆静地想找地方藏身时,一个小朋友不小心碰撞了村口的大吊钟,吓得全村的村民也大叫起來,婴儿们也大哭不停,正當大定家都不知如何是好的时候,「年」出现了,吓得本来已收起了哭声的婴儿又大哭起来,本已藏起来的村民为了要救那些大哭的婴儿,也纷制纷走了出来,围在「年」的周围,还燃起熊熊的火光,把「年」给吓得逃回深山里,后余生的人们互相道賀:「恭喜逃过了年的威胁!」。
后来人们还发现原来「年」很怕红色、火光及很大的声响;于是家家戶戶就在下一个冬天,围在一起吃饭后就通宵守夜, 並在门上挂着紅色的桃木板 ,燃起熊熊的火光,敲打锅盘等器具发出很大的声音,以吓坎「年」兽。
第二天一早,又逃过一劫的村民便从屋裏走出来,开心地互道恭喜,並大肆庆祝!
演变至今,就成了过年要在门上贴红色的春联、放鞭炮、守岁以及见面互道恭喜的习俗了。

Difficilmente in una famiglia capita l’occasione in cui grandi e piccini passino le vacanze insieme, e nel felice giorno della vigilia di Capodanno si sta coi propri figli facendo gare di narrazione di storie, giudicando accuratamente ed esaminando chi tra i famigliari racconta la più piacevole:

La leggenda di Nian (Anno)

Il leggendario “Nian” (Anno) era un enorme mostro feroce con una grande testa e una grande bocca, siccome il cibo [già normalmente] non era sufficiente, la scarsità invernale lo induceva ad uscire per mangiare le persone.
A causa del terribile “Nian”, gli abitanti del villaggio avevano molta paura, e avevano cercato ogni mezzo per sbarazzarsi di lui senza riuscire a trovare nessun buon sistema applicabile.
Arrivato l’ultimo giorno dell’anno, quando tutto è statico e tutti cercano un luogo in cui ripararsi, un bambino distratto andò a sbattere contro la campana d’ingresso del villaggio e spaventando tutti gli abitanti del villaggio cominciò a gridare, così che anche gli altri bambini cominciarono a piangere a dirotto; e mentre nelle case nessuno sapeva cosa fare, “Nian” apparì, spaventando ovviamente i bambini che avevano già smesso di piangere e che ora ricominciarono. Così gli abitanti del villaggio nascosti per accudire i bambini che piangevano, vennero fuori uno alla volta circondando “Nian”, accendendo anche un furioso incendio, procurando a “Nian” una paura tale che lo fece ritirare nel profondo delle montagne, dopodiché le persone così sopravvissute si congratularono l’un l’altra: “Congratulazioni! Siamo fuggiti alla minaccia di “Nian”!” Successivamente si è anche scoperto che “Nian” teme il colore rosso, la luce del fuoco e i forti rumori; quindi ogni famiglia, ad ogni inverno, si riuniva per la cena della notte della veglia, appendeva una tavoletta di mogano rosso fuori dalla porta, accendeva un grosso fuoco e produceva un forte rumore sbattendo pentole, padelle e altri strumenti, in modo da spaventare la bestia “Nian”.
La mattina dopo, gli abitanti del villaggio sfuggiti al pericolo uscivano dalle proprie case, felici per congratularsi l’un l’altro e festeggiare!
Ora questa festività si è sviluppata e semplicemente a capodanno si appendono distici rossi fuori dalla porta, si fanno scoppiare petardi e si sta svegli tutta la notte per il veglione così come è costume riunirsi per congratularsi.